Altri metodi di fusione fusione zolfo

Tanti altri metodi di fusione dello zolfo furono sperimentati, sia utilizzando come combustibile lo stesso zolfo, sia utilizzando forme alternative, come il vapore, che si basava sulla combustione del carbon fossile o della legna

Condividi questo articolo

fusione zolfo fusione zolfo - Immagine di un Forno Gill usato nelle miniere per fondere lo zolfo

Forni Gill per la fusione dello zolfo

Tra i primi ricordiamo il forno Durand, nato prima dei forni Gill, adatto soprattutto al trattamento dei minerali poveri, utilizzato per qualche tempo in Sicilia per prescrizione governativa, al posto dei calcheroni ritenuti troppo inquinanti:

"Era costituito da una camera quadrata in muratura di 2 metri di lato, a suolo inclinato e coperto da una volta, munita al centro dell'apertura di caricamento".

"Nella parte anteriore della camera era collocata la bocca di colata e due porte di carico, mentre nei muri laterali erano poste due aperture, una per introdurre il fuoco e l'altra in comunicazione con un canale comune a due o più forni contigui; questo canale era destinato a ricevere i prodotti della combustione che, per un altro condotto, finivano in un piccolo camino posto alla sommità di una collina. Il forno si riempiva introducendo il minerale grosso in basso ed il minuto in alto; si chiudeva la bocca di carico con ginisi compresso, e le due porte con qualche fascina".

Immagini di un forno Durand utilizzato per la fusione dello zolfo

Immagine di un Forno Durand utilizzato nelle miniere per la fusione dello zolfo

"La fusione procedeva poi come nel calcherone e durava 24 ore, comprese le fasi di carico e scarico. Dopo qualche tempo si raccoglieva anche lo zolfo depositatosi per sublimazione sulle pareti del lungo condotto. Tuttavia, anche se l'impianto riduceva i gas inquinanti, il rendimento era inferiore a quello del calcherone e dunque il metodo fu abbandonato".

Tra i forni a combustione di zolfo bisogna citare anche quello proposto da Leon Gil Ruiz sin dal 1887; in una grande camera si deposita il minerale a cui si da fuoco nella parte superiore; un ventilatore posto nella parte alta della camera introduce l'aria esterna che, avendo il compito di alimentare la fusione, attraversa la massa di minerale dall'alto in basso fino ad incontrare un condotto aperto alla base della camera dal quale ritorna all'esterno.

Nella miniera Santa Caterina di Castrogiovanni, l'attuale Enna, vennero impiantati tre forni di questo tipo, che diedero aumenti di rendimento di oltre il 30% rispetto al calcherone, cioè un rendimento paragonabile a quello dei forni Gill.

sistemi fusione zolfo sistemi fusione zolfo - Immagine di un Forno Gill per fondere lo zolfo nelle miniere

Forni Gill con cui veniva fuso lo zolfo nelle miniere

organizzazione eventi in Sicilia

Organizza i tuoi eventi al centro della Sicilia e riscopri la cultura e la tradizione siciliana.

Il Casale di Emma è una splendida location per l'organizzazione di eventi a contatto con la natura.

Il luogo ideale dove organizzare:

Contattaci per chiedere maggiori informazioni sull'organizzazione del TUO evento

un'oasi al centro della Sicilia

Organizzazione feste, cerimonie, incontri di lavoro, eventi culturali, ludici e gastronomici.

Ottieni uno sconto del 10%. Scarica la guida e stampa il codice.

Ma quante cose puoi fare al Casale di Emma? Scarica la guida per vedere quali eventi è possibile organizzare ed ottieni un codice di sconto del 10% su tutti i servizi. Per sempre.

 

News

29/05/2016 - 

Secondo raduno fan siciliani dei Pink Floyd

Il prossimo 29 maggio il secondo raduno fan sic ...


02/07/2015 - 

Il Casale di Emma ottiene il logo Sicilia a Chilometro Zero

Il Casale di Emma è fiero di annunciare ...


25/06/2015 - 

Una nuova edizione per 'Io dormo da sola'

Esce oggi, in 300.000 copie, una nuova edizione ...


Leggi tutte le news

Iscriviti alla Newsletter

sarai informato su eventi culturali in Sicilia

Iscriviti alla newsletter
Tu sei qui: Home > I segni del lavoro: Le zolfare > Altri metodi di fusione 
un'oasi al centro della Sicilia

Il Casale di Emma
Contrada Castello sn - 93010 Resuttano (Caltanissetta CL - Sicilia)
Fax. 0934 597211
Cell. 340 2110314 (Federica) - 338 9894525 (Marco) - 338 9687800 (Nino)
P. IVA 01413320852 - Contatti

realizzazione sito web: Cristian Michele Sena - Web Master e Graphic Designer
posizionamento sito web ai primi posti sui motori di ricerca a cura di: Cristian Michele Sena - Web Master e Graphic Designer

 
Regione Siciliana Comunità Europea

Progetto finanziato dalla Comunità Europea. Misura 311C Diversificazione dall'attività Agricola - Altre forme di diversificazione. PSR Sicilia 2007.2013.

chiamaci 338 9894525 - 340 2110314

oppure contattaci via email

Prenotazione eventi in Sicilia Il Casale di Emma è Eccellenza Rurale 2007-2013 logo delle fattorie educative

Pagina Facebook il Casale di Emma Guarda i nostri video su YouTube Pagina Google // Il Casale di Emma Presentazioni su Slideshare // Il Casale di Emma