Castello di Garsiliato Castiddazzu, Castello Grassuliato.

Su una rupe scoscesa e inaccessibile alta 419 m sul livello del mare, in contrada Salomone, a pochi chilometri dal comune di Mazzarino ed in una posizione strategica a guardia di un’ampia vallata attraverso la quale la grande piana di Gela si immette, con una serie di altre valli, verso i territori di Enna e Caltanissetta, si ergono i ruderi del Castello di Garsiliato o Grassuliato o Saliato o, molto più familiarmente per la gente che abita quei luoghi, Castiddazzu.


Condividi questo articolo

Castiddazzu, Castello Grassuliato. Castiddazzu, Castello Grassuliato. - Castello feudale Garsiliato

Ruderi architettonici del castello di Garsiliato o dei Saliati

Luoghi già ellenizzati (VI a.C.) e poi scelti dai Romani per controllare le vie di penetrazione nell’isola, luoghi che proprio per la loro conformazione potevano nascondere truppe e provvigioni.

A protezione del territorio i Romani costruirono in quei luoghi due castelli e, mentre al primo diedero nome di Mazarinum, al secondo diedero quello di Arx Saliatum cioè castello dei Saliati o Salii, sacerdoti di Marte (pare in numero di dodici per volere di Numa Pompilio) così chiamati per il saltare che facevano per le strade nel celebrare la festa in suo onore e che custodivano il suo simulacro in un tempietto a lui dedicato ed eretto proprio vicino al castello. Ai piedi dello stesso, vicino alla sponda sinistra del fiume Gela, era situato anche il villaggio romano.

In quei luoghi, ai Romani seguirono i Bizantini e nell’VIII secolo i Saraceni che distrussero il villaggio, (non fu più ricostruito) ma che mostrarono gran considerazione per l’ottima posizione occupata dal castello nel territorio.

In quella stessa altura, nell’XI secolo, i Normanni, dopo aver scacciato i Saraceni, ripristinarono il castello e costruirono una chiesa dalla quale oggi purtroppo restano sparute tracce.

Le prime notizie storiche riferiscono che nel 1091, in un elenco di donazioni effettuate alla chiesa di Santa Maria della Valle di Giosafat, apparisse fra altri il nome di Salomon de Garsiliat, figlio forse, di Guicone de Garsiliat.

Con Simone de Garsiliat, nome poi corrotto in Grassuliato, si ripristina un piccolo borgo e si riabita il castello. Territorio vastissimo ricco d’ogni bene e composto, inoltre, da ben nove feudi ed ancora una volta la sua postazione particolarmente strategica ne facevano terra ambita.

Tanto potente era il suo signore, Bartolomeo di Grassuliato, che osò sfidare l’autorità regia, riuscendo a coinvolgere alla ribellione anche altri impetuosi nobili, tanto da costringere lo stesso re Guglielmo I (‘il Malo’) a guidare contro di lui un esercito, che ebbe la meglio soltanto dopo un lungo, aspro e rovinoso conflitto. Il Castello messo a ferro e fuoco venne distrutto ed abbandonato.

Al tempo di Federico II di Svevia la contea di Grassuliato risorse, anzi, pare che diventi contea proprio in quel periodo. Nel 1282, durante la guerra del Vespro, troviamo i suoi signori a combattere contro gli Angioini e nel 1299 li troviamo schierati, fedelissimi, al fianco degli Aragonesi.

La tormentata storia della Sicilia di quei secoli coinvolse, ovviamente, in altrettante alterne vicende anche la contea di Grassuliato; la Guerra dei Novant’anni dilaniò l’sola e tanti furono gli “attori” della contea in quei momenti; da Bernardo Raimondo de Rebellis (difensore della nave di re Federico II d’Aragona nella battaglia di Capo d’Orlando e primo di una famiglia di numerosi uomini d’arme) a suo figlio Giacomo Pietro ed ancora, da Riccardo di Passaneto e suo fratello Ruggero, fino a Guglielmo Pallotta che accusato di fellonia da re Martino I d’Aragona segnerà per sempre la decadenza della famiglia e del suo maniero.

Da quei fatti in poi tutto il territorio di Garsiliato passerà, a ricompensa dei servigi resi alla causa Aragonese, a Niccolò Branciforti signore di Mazzarino e dopo di lui a tutti i suoi discendenti, che dal 1507 furono chiamati Conti di Mazzarino e di Garsiliato.

I Branciforti per ben governare, al contrario di molti altri nobili, non si trasferirono mai nella capitale del regno ma preferirono abitare le proprie terre, non risiedendo mai nel castello di Garsiliato che ben presto mostrò i segni dell’abbandono.

Per questo gli abitanti di Grsiliato, poco alla volta si trasferirono a Marrarino, spopolando la contea, ma, forse, anche perché il territorio di Mazzarino risultava meno isolato ed in una posizione topografica più favorevole.

Così come per altri, anche per il Castello di Garsiliato, storie e credenze popolari si mescolano; ed in questo particolare caso la leggenda popolare accomuna il Castiddazzu  a U Cannuni.

Essa tramanda che, in un tempo non precisato, si accendesse una disputa fra i due più importanti “Signori” del territorio, padroni entrambi di estesi quanto mai limitrofi contadini, per la fondazione di un unico importante agglomerato. Sempre la tradizione narra che la sorte abbia favorito il “Signore” di Mazzarino, per cui, così come stabilito nel patto iniziale stipulato tra i due, la città nuova venne costruita nei pressi del castello vincitore.

E’ rilevante notare come le dicerie popolari spesso traggano spunti da fatti storici.

Gli studiosi , parlando del castello di Grassuliato, asseriscono che era accessibile solo da un fronte e per un viottolo d’accesso ripido e difficile da percorrere. Sicuramente la morfologia del territorio ha condizionato la costruzione dello stesso che poggiava le sue fondamenta su vari livelli e su di un terreno formato prevalentemente da roccia gessosa. Il maniero medievale pare avesse salde mura merlate, con porte e finestre a sesto acuto e con volte a crociera; aveva anche ampi saloni e vaste cisterne e ovviamente un sotterraneo che lo metteva in comunicazione con la sottostante valle.

Il suo abbandono, risalente al secolo XVI, non ha certo favorito la sua conservazione; ed ai nostri giorni risulta difficile riconoscere dai pochi elementi, molto slegati fra loro, la grandiosità del vecchio castello. Possiamo sicuramente confermare che, rispetto all’abitato, doveva risultare molto imponente e, inoltre, anche dominante per un ampio raggio della vallata del fiume Gela e dei luoghi circostanti.

Tratto da Emma Mòllica
Della casa editrice AnninovantAEditrice

Castello di Garsiliato Castello di Garsiliato - Castiddazzu

Castello di Garsiliato o Castiddazzu di epoca feudale

organizzazione eventi in Sicilia

Organizza i tuoi eventi al centro della Sicilia e riscopri la cultura e la tradizione siciliana.

Il Casale di Emma è una splendida location per l'organizzazione di eventi a contatto con la natura.

Il luogo ideale dove organizzare:

Contattaci per chiedere maggiori informazioni sull'organizzazione del TUO evento

un'oasi al centro della Sicilia

Organizzazione feste, cerimonie, incontri di lavoro, eventi culturali, ludici e gastronomici.

Ottieni uno sconto del 10%. Scarica la guida e stampa il codice.

Ma quante cose puoi fare al Casale di Emma? Scarica la guida per vedere quali eventi è possibile organizzare ed ottieni un codice di sconto del 10% su tutti i servizi. Per sempre.

 

News

29/05/2016 - 

Secondo raduno fan siciliani dei Pink Floyd

Il prossimo 29 maggio il secondo raduno fan sic ...


02/07/2015 - 

Il Casale di Emma ottiene il logo Sicilia a Chilometro Zero

Il Casale di Emma è fiero di annunciare ...


25/06/2015 - 

Una nuova edizione per 'Io dormo da sola'

Esce oggi, in 300.000 copie, una nuova edizione ...


Leggi tutte le news

Iscriviti alla Newsletter

sarai informato su eventi culturali in Sicilia

Iscriviti alla newsletter
Tu sei qui: Home > Archeologia in Sicilia > Castello di Garsiliato (tag: Castiddazzu, Castello Grassuliato. - Castello di Garsiliato - Castello Saliato)
un'oasi al centro della Sicilia

Il Casale di Emma
Contrada Castello sn - 93010 Resuttano (Caltanissetta CL - Sicilia)
Fax. 0934 597211
Cell. 340 2110314 (Federica) - 338 9894525 (Marco) - 338 9687800 (Nino)
P. IVA 01413320852 - Contatti

realizzazione sito web: Cristian Michele Sena - Web Master e Graphic Designer
posizionamento sito web ai primi posti sui motori di ricerca a cura di: Cristian Michele Sena - Web Master e Graphic Designer

 
Regione Siciliana Comunità Europea

Progetto finanziato dalla Comunità Europea. Misura 311C Diversificazione dall'attività Agricola - Altre forme di diversificazione. PSR Sicilia 2007.2013.

chiamaci 338 9894525 - 340 2110314

oppure contattaci via email

Prenotazione eventi in Sicilia Il Casale di Emma è Eccellenza Rurale 2007-2013 logo delle fattorie educative

Pagina Facebook il Casale di Emma Guarda i nostri video su YouTube Pagina Google // Il Casale di Emma Presentazioni su Slideshare // Il Casale di Emma