Il costume morale degli zolfatai zolfatari sicilia

Costumi, abitudini, carattere, "panza firma" e "sanguiltà" che contraddistinguevano gli zolfatai e la loro vita e da cui deriva la triste fama di cui godevano i principali centri minerari dell'isola

Condividi questo articolo

zolfatari sicilia zolfatari sicilia - Immagine di un villaggio di minatori

Villaggio di minatori di una miniera siciliana - Foto di Dafne Russo

Gli zolfatai non sempre furono considerati uomini di buoni costumi, anzi al contrario questa brutta fama si basava su dati di fatto, così anche oggi a gente di pessima fama si sente dare l'appellativo di "veru surfararu" oppure "surfararazzu".

Narrano i vecchi che sino a pochi decenni or sono nei giorni di domenica e di festa i paesi sembravano dei campi di battaglia. Per futili questioni iniziavano violente zuffe in cui non era raro che i contendenti si accoltellassero con quelle terribili lame tascabili di cui ognuno era munito o addirittura lottassero con le pistole. I luoghi di scontro preferiti erano le bettole o addirittura la piazza del paese; le conseguenze erano funeste, gravi ferimenti o addirittura uccisioni, mentre quelli che avevano fatto "cuorpu" cioè coloro che li avevano commessi, cercavano di imbarcarsi con passaporti più o meno legali per l'America. Avveniva spesso che chi voleva soddisfare qualche vendetta, preparasse prima i documenti per espatriare.

In tutti i paesi si erano formate delle consorterie, costituite dall'unione dei membri di una o più famiglie, contrassegnate ognuna con un nomignolo, che indicava qualche caratteristica somatica dei componenti o significante la loro delinquenza.

L'omertà era massima e questa gente reputava uno scorno che il proprio offensore fosse punito da un Tribunale, perché riteneva sacrosanto il diritto di farsi giustizia con le proprie mani, onde si accaniva a discolpare il feritore o l'uccisore di qualche congiunto per riservarsi la terribile soddisfazione di fargli fare la medesima tragica fine.

Si svolgevano dei processi sensazionali e complicati, dove tutti gli sforzi dei magistrati tendevano a spingere la famiglia dell'offeso a deporre contro l'imputato, ma spesso gli sforzi andavano a vuoto specialmente se ci si trovava di fronte a persone di "panza firma", che dimostrasse "sanguiltà", a significare fermezza di carattere. È nata in tal modo una ricca serie di narrazioni riferentesi tanto alle liti quanto ai processi che ne seguivano. Dato questo stato di cose e correndo i primi anni dell'unità d'Italia, anche in paesi di piccola importanza furono istallati dei distaccamenti militari, che intervenivano a dar man forte alle forze dell'ordine.

Immagine dall’alto della città di Favara in provincia di Agrigento

Panoramica di Favara (prov. di Agrigento) che in passato era nota per la sua triste nomea

Per tal motivo molti paesi si sono resi tristemente famosi anche fuori dalla Sicilia: un carabiniere ligure, trovandosi già da vari anni in servizio alla miniera "Trabia", affermava che gli amici del suo paese, saputo che era stato destinato in provincia di Caltanissetta, stringendosi sulle spalle gli dissero:"Madonna! Tu andrai a finire vicino a Riesi!". Questo grosso centro infatti, nel cui territorio si trovava una sezione della più grande miniera solfifera della Sicilia, come Favara, monopolizzava gran parte di questa triste nomea. Il ricordo delle gesta di quest'ultimo paese era lumeggiato da una canzone in gran parte sconosciuta, che cominciava con i versi:

Sapiti chi successi a la Favara?
Setti si ammazzaru ppi na lira.
Lu Spampinatu tira la pistola
E cuorpi n'appi ncapu settimila
Lu sangu curriva a viola
Ca inchiri si potti 'na briatura ccu li cannola

I versi, che avevano un seguito perdutosi nella tradizione orale, descrivono un episodio avvenuto molti anni addietro, causato forse da liti sorte nella spartizione della paga.

Le cause di un tale stato di cose erano varie: il malgoverno, triste retaggio delle precedenti dominazioni che non si erano curate dell'elevazione morale e materiale del popolo; l'ignoranza, aggravata dalle prepotenze di una casta ancora feudale e dalla mafia imperante; la mancanza di una legislazione sociale. La gente dello zolfo era abbruttita, svolgendo tutta la sua vita tra la miniera e la casa.

L'operaio delle miniere provvedeva quanto poteva alla sua elevazione e al miglioramento delle condizioni di vita familiare. Nei dopolavoro e nei locali di pubblico spettacolo egli apprendeva le norme del vivere sociale e affinava in tal modo i suoi costumi; nella maggior parte dei casi egli era scrupoloso nel provvedere all'educazione dei figli e, appena ne aveva la minima possibilità, li mandava a frequentare le scuole secondarie, affrontando dei sacrifici non indifferenti. Accadeva così di vedere qualche lavoratore con figli diplomati o laureati, ma non per questo egli tralasciava la sua attività; finché le forze lo assistevano rimaneva fedele alla sua miniera, dove aveva speso le sue energie sin dalla giovane età e che, nel bene e nel male, gli aveva permesso di vivere e di mantenere una famiglia.

minatori sicilia minatori sicilia - Immagine di un gruppo di minatori mentre lavorano

Gruppo di minatori mentre lavorano

organizzazione eventi in Sicilia

Organizza i tuoi eventi al centro della Sicilia e riscopri la cultura e la tradizione siciliana.

Il Casale di Emma è una splendida location per l'organizzazione di eventi a contatto con la natura.

Il luogo ideale dove organizzare:

Contattaci per chiedere maggiori informazioni sull'organizzazione del TUO evento

un'oasi al centro della Sicilia

Organizzazione feste, cerimonie, incontri di lavoro, eventi culturali, ludici e gastronomici.

Ottieni uno sconto del 10%. Scarica la guida e stampa il codice.

Ma quante cose puoi fare al Casale di Emma? Scarica la guida per vedere quali eventi è possibile organizzare ed ottieni un codice di sconto del 10% su tutti i servizi. Per sempre.

 

News

29/05/2016 - 

Secondo raduno fan siciliani dei Pink Floyd

Il prossimo 29 maggio il secondo raduno fan sic ...


02/07/2015 - 

Il Casale di Emma ottiene il logo Sicilia a Chilometro Zero

Il Casale di Emma è fiero di annunciare ...


25/06/2015 - 

Una nuova edizione per 'Io dormo da sola'

Esce oggi, in 300.000 copie, una nuova edizione ...


Leggi tutte le news

Iscriviti alla Newsletter

sarai informato su eventi culturali in Sicilia

Iscriviti alla newsletter
Tu sei qui: Home > I segni del lavoro: Le zolfare > Il costume morale degli zolfatai 
un'oasi al centro della Sicilia

Il Casale di Emma
Contrada Castello sn - 93010 Resuttano (Caltanissetta CL - Sicilia)
Fax. 0934 597211
Cell. 340 2110314 (Federica) - 338 9894525 (Marco) - 338 9687800 (Nino)
P. IVA 01413320852 - Contatti

realizzazione sito web: Cristian Michele Sena - Web Master e Graphic Designer
posizionamento sito web ai primi posti sui motori di ricerca a cura di: Cristian Michele Sena - Web Master e Graphic Designer

 
Regione Siciliana Comunità Europea

Progetto finanziato dalla Comunità Europea. Misura 311C Diversificazione dall'attività Agricola - Altre forme di diversificazione. PSR Sicilia 2007.2013.

chiamaci 338 9894525 - 340 2110314

oppure contattaci via email

Prenotazione eventi in Sicilia Il Casale di Emma è Eccellenza Rurale 2007-2013 logo delle fattorie educative

Pagina Facebook il Casale di Emma Guarda i nostri video su YouTube Pagina Google // Il Casale di Emma Presentazioni su Slideshare // Il Casale di Emma