Il lavoro operaio nelle zolfare condizione lavoratori dello zolfo

Il lavoro degli operai nelle zolfare si svolgeva nelle viscere della terra in condizioni assai disagiate per la temperatura elevata ed i gas nocivi, le cui esalazioni erano, talvolta, mortali.

Condividi questo articolo

condizione lavoratori dello zolfo condizione lavoratori dello zolfo - Come veniva trasportato lo zolfo nella miniera di Trabonella di Caltanissetta

Carrelli per il trasporto dello zolfo nella miniera Trabonella di Caltanissetta - Foto di Vincenzo Santoro

La ventilazione era difettosa e non era infrequente la presenza di gas asfissianti (acido carbonico o "rinchiusu") e di gas esplodenti (idrogeno solforato o "antimoniu") facilmente infiammabili per la presenza delle lanterne ad acetilene ("citalena").

Lo scarso livello tecnico dei lavori di preparazione era causa frequente di crolli, che seppellivano intere squadre di operai.

Le miniere erano, inoltre, lontane dai centri abitati e gli operai le raggiungevano a piedi il lunedì mattina per tornare in paese il sabato sera. Per tutta la settimana alloggiavano nella miniera, dove si preparavano alla meglio un giaciglio e si rifornivano di cibo in una bottega del posto.

La figura più importante del lavoro del sottosuolo era il "picconiere", a cui era affidata la ricerca dei filoni zolfiferi e l'escavazione del minerale. Esso veniva trasportato a spalla dall'interno all'esterno dai "carusi" (ragazzi), spesso di età inferiore a 14 anni, che trasportavano da 30 a 80 Kg. di minerale per volta ed erano legati ai picconieri da contratti di cottimo.

A completare i lavori all'interno delle zolfare c'erano, poi, le categorie degli "spisalora" (addetti ad opere di manutenzione nelle gallerie) e degli "acqualora" (addetti all'eduzione delle acque affioranti nelle gallerie).

All'esterno troviamo i "carcarunara" e gli "arditura". I primi lavoravano in squadre di 20- 40 unità ed erano addetti alla predisposizione ed allo sgombero dei calcaroni; i secondi soprintendevano a tutte le fasi di fusione e di colatura dello zolfo, che veniva raccolto in recipienti di legno ("gaviti"), da dove si sformavano i pani di zolfo ("balati") destinati alla spedizione.

C'erano, infine, alcune categorie addette a lavori secondari: catastieri, muratori, fabbri, pesatori, sorveglianti diurni e notturni.

La direzione dei lavori in miniera era affidata ai capomastri, in genere ex-picconieri, le cui competenze erano legate all'esperienza degli anni trascorsi in miniera. Dopo il 1864, anno in cui a Caltanissetta sorse la scuola mineraria, istituita e presieduta dall'ing. Sebastiano Mottura, le miniere più importanti ebbero periti e capiminatori ben preparati.

I lavoratori delle miniere nel 1860 erano circa 16.000, per raggiungere le 30.000 unità nel 1880. Agli inizi del '900 erano circa 40.000. Si concentravano, soprattutto, nelle province di Caltanissetta e di Girgenti (Agrigento) ed esprimevano apprezzabili livelli di professionalità.

Il duro e malsano lavoro della zolfara rovinava irrimediabilmente la salute dei minatori, specie dei "carusi", che, essendo costretti ancora in tenera età a portare pesi considerevoli, presentavano assai spesso uno sviluppo fisico inadeguato alla loro età.

Quasi tutti i "carusi" avevano una spalla più bassa dell'altra e la zona della testa, dove veniva appoggiato il carico, era priva di capelli.

Una malattia assai frequente tra gli zolfatari era l'anchilostomiasi (anemia dei minatori), causata da un parassita che attacca i polmoni e l'intestino, provocando emorragie.

La maggior parte dei minatori erano analfabeti, la vita dura che conducevano li abbrutiva, li rendeva rissosi e violenti.

organizzazione eventi in Sicilia

Organizza i tuoi eventi al centro della Sicilia e riscopri la cultura e la tradizione siciliana.

Il Casale di Emma è una splendida location per l'organizzazione di eventi a contatto con la natura.

Il luogo ideale dove organizzare:

Contattaci per chiedere maggiori informazioni sull'organizzazione del TUO evento

Il Casale di Emma

Chi siamo

La struttura

Le produzioni

Eventi al Casale

Cosa siamo

Villa per cerimonie

Centro congressi

Centro culturale

Locale per feste

Sala degustazioni

Museo contadino

Fattoria Educativa

Azienda Agri-Sociale

Orto botanico

Cosa fare nei dintorni

I paesi vicini

A piedi o in Mountain Bike

un'oasi al centro della Sicilia

Organizzazione feste, cerimonie, incontri di lavoro, eventi culturali, ludici e gastronomici.

Ottieni uno sconto del 10%. Scarica la guida e stampa il codice.

Ma quante cose puoi fare al Casale di Emma? Scarica la guida per vedere quali eventi è possibile organizzare ed ottieni un codice di sconto del 10% su tutti i servizi. Per sempre.

 

News

29/05/2016 - 

Secondo raduno fan siciliani dei Pink Floyd

Il prossimo 29 maggio il secondo raduno fan sic ...


02/07/2015 - 

Il Casale di Emma ottiene il logo Sicilia a Chilometro Zero

Il Casale di Emma è fiero di annunciare ...


25/06/2015 - 

Una nuova edizione per 'Io dormo da sola'

Esce oggi, in 300.000 copie, una nuova edizione ...


Leggi tutte le news

Iscriviti alla Newsletter

sarai informato su eventi culturali in Sicilia

Iscriviti alla newsletter
Tu sei qui: Home > L'industria mineraria dello zolfo in Sicilia > Il lavoro operaio nelle zolfare 
un'oasi al centro della Sicilia

Il Casale di Emma
Contrada Castello sn - 93010 Resuttano (Caltanissetta CL - Sicilia)
Fax. 0934 597211
Cell. 340 2110314 (Federica) - 338 9894525 (Marco) - 338 9687800 (Nino)
P. IVA 01413320852 - Contatti

realizzazione sito web: Cristian Michele Sena - Web Master e Graphic Designer
posizionamento sito web ai primi posti sui motori di ricerca a cura di: Cristian Michele Sena - Web Master e Graphic Designer

 
Regione Siciliana Comunità Europea

Progetto finanziato dalla Comunità Europea. Misura 311C Diversificazione dall'attività Agricola - Altre forme di diversificazione. PSR Sicilia 2007.2013.

chiamaci 338 9894525 - 340 2110314

oppure contattaci via email

Prenotazione eventi in Sicilia Il Casale di Emma è Eccellenza Rurale 2007-2013 logo delle fattorie educative

Pagina Facebook il Casale di Emma Guarda i nostri video su YouTube Pagina Google // Il Casale di Emma Presentazioni su Slideshare // Il Casale di Emma