Il regime giuridico industria mineraria dello zolfo

In Sicilia vigeva per le zolfare il regime fondiario, che dava al proprietario del suolo la disponibilità del sottosuolo, con il solo vincolo della corresponsione della tassa di "aperiatur". Nel 1865 il codice civile ammise l'affrancabilità del canone enfiteutico e vi fu uno spezzettamento della proprietà fondiaria e mineraria.

Condividi questo articolo

industria mineraria dello zolfo industria mineraria dello zolfo -

Gancio traino di un'attrezzatura della miniera Gessolungo di Caltanissetta - Foto di Vincenzo Santoro

In Sicilia vigeva per le zolfare il regime fondiario, che dava al proprietario del suolo la disponibilità del sottosuolo, sicché i giacimenti minerari erano legati alla proprietà fondiaria e ne seguivano le vicende. Questo legame fu il principale ostacolo allo sviluppo dell'industria mineraria zolfifera, perché i proprietari erano, in genere, nobili latifondisti, che dimostravano nei riguardi del sottosuolo lo stesso atteggiamento assenteistico che avevano nei riguardi della proprietà fondiaria.

Dopo l'abolizione dei diritti feudali nel 1812 il nuovo codice civile borbonico del 1819 ribadiva il legame tra la proprietà del suolo e quella del sottosuolo e la legislazione mineraria del 1826 confermava la libera disponibilità del sottosuolo da parte del proprietario, che aveva il solo vincolo della corresponsione della tassa di "aperiatur". Quando nel 1865 il codice civile ammise l'affrancabilità del canone enfiteutico, vi fu uno spezzettamento della proprietà fondiaria e mineraria insieme, a cui contribuì più tardi la vendita dei beni ecclesiastici.

La parcellizzazione della proprietà, le condizioni geologiche dei giacimenti zolfiferi, spesso affioranti a pochi metri di profondità, la facilità iniziale delle coltivazioni spiegano il sorgere di una miriade di piccole coltivazioni esercitate da gruppi di lavoratori appartenenti, non di rado, ad una stessa famiglia. Si formò, così, un artigianato delle zolfare, che ebbe un grande sviluppo specialmente dopo il 1830 e che si protrasse ancora per molti anni.

Il regime fondiario rimase in vigore in Sicilia, limitatamente alle zolfare, anche dopo l'unità d'Italia. L'esigenza di demanializzazione del sottosuolo fu oggetto di varie richieste, che approdarono anche in Parlamento, ma i giacimenti zolfiferi ebbero un nuovo regime giuridico solo nel 1927, quando già l'industria zolfifera siciliana versava in condizioni precarie.

 

organizzazione eventi in Sicilia

Organizza i tuoi eventi al centro della Sicilia e riscopri la cultura e la tradizione siciliana.

Il Casale di Emma è una splendida location per l'organizzazione di eventi a contatto con la natura.

Il luogo ideale dove organizzare:

Contattaci per chiedere maggiori informazioni sull'organizzazione del TUO evento

Il Casale di Emma

Chi siamo

La struttura

Le produzioni

Eventi al Casale

Cosa siamo

Villa per cerimonie

Centro congressi

Centro culturale

Locale per feste

Sala degustazioni

Museo contadino

Fattoria Educativa

Azienda Agri-Sociale

Orto botanico

Cosa fare nei dintorni

I paesi vicini

A piedi o in Mountain Bike

un'oasi al centro della Sicilia

Organizzazione feste, cerimonie, incontri di lavoro, eventi culturali, ludici e gastronomici.

Ottieni uno sconto del 10%. Scarica la guida e stampa il codice.

Ma quante cose puoi fare al Casale di Emma? Scarica la guida per vedere quali eventi è possibile organizzare ed ottieni un codice di sconto del 10% su tutti i servizi. Per sempre.

 

News

29/05/2016 - 

Secondo raduno fan siciliani dei Pink Floyd

Il prossimo 29 maggio il secondo raduno fan sic ...


02/07/2015 - 

Il Casale di Emma ottiene il logo Sicilia a Chilometro Zero

Il Casale di Emma è fiero di annunciare ...


25/06/2015 - 

Una nuova edizione per 'Io dormo da sola'

Esce oggi, in 300.000 copie, una nuova edizione ...


Leggi tutte le news

Iscriviti alla Newsletter

sarai informato su eventi culturali in Sicilia

Iscriviti alla newsletter
Tu sei qui: Home > L'industria mineraria dello zolfo in Sicilia > Il regime giuridico 
un'oasi al centro della Sicilia

Il Casale di Emma
Contrada Castello sn - 93010 Resuttano (Caltanissetta CL - Sicilia)
Fax. 0934 597211
Cell. 340 2110314 (Federica) - 338 9894525 (Marco) - 338 9687800 (Nino)
P. IVA 01413320852 - Contatti

realizzazione sito web: Cristian Michele Sena - Web Master e Graphic Designer
posizionamento sito web ai primi posti sui motori di ricerca a cura di: Cristian Michele Sena - Web Master e Graphic Designer

 
Regione Siciliana Comunità Europea

Progetto finanziato dalla Comunità Europea. Misura 311C Diversificazione dall'attività Agricola - Altre forme di diversificazione. PSR Sicilia 2007.2013.

chiamaci 338 9894525 - 340 2110314

oppure contattaci via email

Prenotazione eventi in Sicilia Il Casale di Emma è Eccellenza Rurale 2007-2013 logo delle fattorie educative

Pagina Facebook il Casale di Emma Guarda i nostri video su YouTube Pagina Google // Il Casale di Emma Presentazioni su Slideshare // Il Casale di Emma