Le origini e il periodo pre-industriale storia dello zolfo

I giacimenti zolfiferi siciliani occupano una vastissima zona nella parte centrale dell'isola

Condividi questo articolo

storia dello zolfo storia dello zolfo - Particolare di ingranaggi di un'attrezzatura della miniera Gessolungo di Caltanissetta

Ingranaggi di attrezzature della miniera Gessolungo di Caltanissetta - Foto di Vincenzo Santoro

Nelle province di Caltanissetta, Agrigento, Palermo, Enna, Catania; lo zolfo si trova misto a uno o più tipi di rocce, come gesso, calcare, argilla e marne.

Recenti scavi archeologici effettuati nel 1998 dall'archeologo G. Castellana in contrada Montegrande tra Agrigento e Palma di Montechiaro hanno portato alla luce reperti archeologici che documentano l'esistenza di una zolfara appartenente ad un insediamento greco risalente al XVI sec. a.C., e quindi ad un'epoca anteriore alla presenza dei Micenei (XIV sec. a.C.).

I Greci, secondo questa testimonianza, già nell'età del bronzo estraevano e raffinavano lo zolfo con metodi assai simili a quelli usati in epoca storica e lo esportavano nei paesi del Mediterraneo. Esso veniva usato per riti purificatori e per confezionare prodotti farmaceutici.

Nonostante gli antichi usassero lo zolfo in medicina e nella lavorazione dei tessuti, gli storici antichi non fanno alcun cenno dei giacimenti siciliani, infatti lo storico Plinio, nella sua "Naturalis historia", fa menzione dell'estrazione dello zolfo in Campania e nelle Eolie, ma non parla della Sicilia.

Ce ne danno notizia, invece, reperti epigrafici come le "tabulae sulphuris", conservate nei musei di Palermo e di Agrigento, che dimostrano come già alla fine del II sec. d.C. esistevano miniere imperiali, dove lavoravano schiavi e delinquenti comuni.

Documenti del periodo arabo (IX-XI sec.), che consistono in testi di geografi arabi raccolti da Michele Amari, parlano dell'estrazione dello zolfo fatta da picconieri che, a causa del forte calore, perdevano i capelli e le unghie.

I giacimenti affioravano a profondità irrisorie e i primi lavori di sfruttamento furono a carattere artigianale. Gli stessi contadini provvedevano a scavare il minerale ed a separare con rudimentali mezzi di fusione lo zolfo dalla "ganga" (materiale roccioso a cui si trova commisto).

Le prime opere minerarie consistettero in gallerie fortemente inclinate, che raggiungevano lo strato zolfifero; l'eduzione delle acque, che sempre si trovano nei giacimenti zolfiferi siciliani, veniva fatta a mano con recipienti detti "quartare", l'areazione era data dall'apertura all'imbocco della galleria.

L'attività di estrazione, ancora alla fine del '700, era fatta con metodi empirici e le miniere venivano abbandonate non appena si esaurivano le vene affioranti dello zolfo.

La produzione annua non superava le 2.500 tonn. ed i prezzi medi si aggiravano intorno alle 52 lire per tonn. ai porti di imbarco di Licata e Porto Empedocle, dove venivano caricati sui velieri diretti a Marsiglia, per essere impiegati nelle fabbriche di acido solforico e di soda artificiale.

Una data segnò il decollo dello zolfo siciliano: il 1791, anno in cui venne brevettato il metodo Leblanc per la fabbricazione della soda, basato sul trattamento con acido solforico del sale comune.

Da quel momento lo zolfo siciliano entrò in quantità consistenti nei circuiti internazionali. Nel 1815 la produzione oscillava tra le 6.500 e le 9.000 tonn. ad un prezzo medio di I20 lire la tonnellata.

organizzazione eventi in Sicilia

Organizza i tuoi eventi al centro della Sicilia e riscopri la cultura e la tradizione siciliana.

Il Casale di Emma è una splendida location per l'organizzazione di eventi a contatto con la natura.

Il luogo ideale dove organizzare:

Contattaci per chiedere maggiori informazioni sull'organizzazione del TUO evento

Il Casale di Emma

Chi siamo

La struttura

Le produzioni

Eventi al Casale

Cosa siamo

Villa per cerimonie

Centro congressi

Centro culturale

Locale per feste

Sala degustazioni

Museo contadino

Fattoria Educativa

Azienda Agri-Sociale

Orto botanico

Cosa fare nei dintorni

I paesi vicini

A piedi o in Mountain Bike

un'oasi al centro della Sicilia

Organizzazione feste, cerimonie, incontri di lavoro, eventi culturali, ludici e gastronomici.

Ottieni uno sconto del 10%. Scarica la guida e stampa il codice.

Ma quante cose puoi fare al Casale di Emma? Scarica la guida per vedere quali eventi è possibile organizzare ed ottieni un codice di sconto del 10% su tutti i servizi. Per sempre.

 

News

29/05/2016 - 

Secondo raduno fan siciliani dei Pink Floyd

Il prossimo 29 maggio il secondo raduno fan sic ...


02/07/2015 - 

Il Casale di Emma ottiene il logo Sicilia a Chilometro Zero

Il Casale di Emma è fiero di annunciare ...


25/06/2015 - 

Una nuova edizione per 'Io dormo da sola'

Esce oggi, in 300.000 copie, una nuova edizione ...


Leggi tutte le news

Iscriviti alla Newsletter

sarai informato su eventi culturali in Sicilia

Iscriviti alla newsletter
Tu sei qui: Home > L'industria mineraria dello zolfo in Sicilia > Le origini e il periodo pre-industriale 
un'oasi al centro della Sicilia

Il Casale di Emma
Contrada Castello sn - 93010 Resuttano (Caltanissetta CL - Sicilia)
Fax. 0934 597211
Cell. 340 2110314 (Federica) - 338 9894525 (Marco) - 338 9687800 (Nino)
P. IVA 01413320852 - Contatti

realizzazione sito web: Cristian Michele Sena - Web Master e Graphic Designer
posizionamento sito web ai primi posti sui motori di ricerca a cura di: Cristian Michele Sena - Web Master e Graphic Designer

 
Regione Siciliana Comunità Europea

Progetto finanziato dalla Comunità Europea. Misura 311C Diversificazione dall'attività Agricola - Altre forme di diversificazione. PSR Sicilia 2007.2013.

chiamaci 338 9894525 - 340 2110314

oppure contattaci via email

Prenotazione eventi in Sicilia Il Casale di Emma è Eccellenza Rurale 2007-2013 logo delle fattorie educative

Pagina Facebook il Casale di Emma Guarda i nostri video su YouTube Pagina Google // Il Casale di Emma Presentazioni su Slideshare // Il Casale di Emma