Metodi di fusione calcaroni

Il minerale di zolfo, dopo che veniva estratto e portato alla superficie, veniva trattato per separare lo zolfo dalla ganga, formata in grandissima parte da carbonato di calcio ed in minima parte da solfato di calcio.

Condividi questo articolo

calcaroni calcaroni - Particolare delle attrezzature utilizzate nella miniera Gessolungo di Caltanissetta

Particolare delle attrezzature utilizzate nella miniera Gessolungo di Caltanissetta - Foto di Vincenzo Santoro

Il primo mezzo impiegato in Sicilia per il trattamento del minerale di zolfo fu la "calcarella". Essa consisteva in una piccola fornace circolare in muratura del diametro di m.1,50-2, profonda da m. 0,30 a m. 0,80 nella parte posteriore, da m. 0,80 a m. 1,30 nella parte anteriore. In essa il minerale veniva accumulato in tre strati, a seconda della grossezza.

Si dava fuoco al minerale degli strati inferiori e, essendo la calcarella posta su di un piano inclinato, dopo 6-7 ore lo zolfo cominciava a colare fuso da un foro, detto "morte", praticato nella parte più bassa, veniva raccolto in forme di legno, dette "gaviti", e, dopo il raffreddamento ed il consolidamento, veniva confezionato in forme a tronco di piramide rettangolare, dette "balati".

Verso il 1850 prese fuoco accidentalmente una catasta di minerale e, per smorzare l'incendio, si coprì la catasta con rosticci fini. Questo non bastò a spegnerlo e, dopo pochi giorni, covando sempre il fuoco e liquefacendosi lo zolfo, esso cominciò a scorrere.

La catasta si trovava su di un pendio ed il liquido si versava nella parte più bassa. In questa occasione si osservò che la qualità dello zolfo che colava era di grana più fina e di un colorito migliore rispetto a quello che si otteneva dalla combustione delle calcarelle. Si adottò, così, il nuovo sistema, che prese il nome di "calcarone".

Esso non era altro che una calcarella di colossali dimensioni con la sommità coperta di rosticci per moderare e regolare la combustione dello zolfo. Il calcarone presentava, rispetto alla calcarella, il vantaggio di ridurre del 30% la perdita di zolfo contenuto nel minerale, ma anch'esso presentava l'inconveniente di sprigionare anidride solforosa, che danneggiava le coltivazioni vicine.

Ben presto questo divenne per i proprietari limitrofi oggetto di speculazione. Essi pretendevano dagli esercenti indennizzi cospicui ed erano frequenti le liti su tali questioni. In realtà con l'incremento del commercio dello zolfo dopo il 1830 i rapporti tra agricoltura ed attività mineraria evidenziarono un conflitto insanabile.

I fondi archivistici dell'intendenza di Girgenti (Agrigento) e Caltanissetta a partire dagli anni Trenta del 1800 sono pieni di documenti attestanti le proteste di proprietari ed amministrazioni comunali contro i danni provocati dall'anidride solforosa alle attività agricole.

I numerosi regolamenti emanati per disciplinare i periodi dell'anno e le modalità di fusione degli zolfi non riuscirono ad arginare l'inesorabile deterioramento dell'equilibrio ecologico nelle zone minerarie. Il paesaggio dell'interno della Sicilia, a vocazione agricola, veniva, così, alterato dalla presenza delle miniere.

Vi furono numerosi tentativi per trovare mezzi di fusione che permettessero di migliorare il rendimento del minerale e di diminuire i danni provocati dall'anidride solforosa, ma solo nel 1880 si realizzò una vera e propria svolta tecnologica con l'invenzione del forno a celle comunicanti dell'ing. Roberto Gill, sperimentato nella zolfara Gibellina ed esteso, poi, a tutte le grandi zolfare.

Il forno Gill, come il calcarone, era basato sull'utilizzazione dello zolfo come combustibile per la fusione dello zolfo stesso, ma presentava, rispetto ad esso, il vantaggio di essere sottratto all'azione degli agenti atmosferici e di permettere il trattamento anche di piccole quantità di minerale, sicchè la produzione poteva essere costante tutto l'anno. Inoltre la perdita di zolfo, che nel calcarone era del 35-40%, era ridotta al I5-25%.

Nei primi del '900 il forno Gill ebbe il sopravvento sul calcarone, ma non riuscì ad eliminarlo, soprattutto nelle piccole e medie zolfare, dato il suo maggiore costo di impianto.

Nel dopoguerra, quando già l'industria zolfifera era in fase di smantellamento, fu realizzato un notevole progresso tecnologico con l'applicazione del sistema di flottazione, che consentiva il recupero del 99,5% di zolfo dal minerale. Esso fu sperimentato nella zolfara Cozzodisi (Casteltermini) e fu esteso nel 1955 al complesso della Trabia-Tallarita (Riesi) e nel 1957 alla Montagna Mintina (Aragona) ed alla Trabonella (Caltanissetta).

organizzazione eventi in Sicilia

Organizza i tuoi eventi al centro della Sicilia e riscopri la cultura e la tradizione siciliana.

Il Casale di Emma è una splendida location per l'organizzazione di eventi a contatto con la natura.

Il luogo ideale dove organizzare:

Contattaci per chiedere maggiori informazioni sull'organizzazione del TUO evento

Il Casale di Emma

Chi siamo

La struttura

Le produzioni

Eventi al Casale

Cosa siamo

Villa per cerimonie

Centro congressi

Centro culturale

Locale per feste

Sala degustazioni

Museo contadino

Fattoria Educativa

Azienda Agri-Sociale

Orto botanico

Cosa fare nei dintorni

I paesi vicini

A piedi o in Mountain Bike

un'oasi al centro della Sicilia

Organizzazione feste, cerimonie, incontri di lavoro, eventi culturali, ludici e gastronomici.

Ottieni uno sconto del 10%. Scarica la guida e stampa il codice.

Ma quante cose puoi fare al Casale di Emma? Scarica la guida per vedere quali eventi è possibile organizzare ed ottieni un codice di sconto del 10% su tutti i servizi. Per sempre.

 

News

29/05/2016 - 

Secondo raduno fan siciliani dei Pink Floyd

Il prossimo 29 maggio il secondo raduno fan sic ...


02/07/2015 - 

Il Casale di Emma ottiene il logo Sicilia a Chilometro Zero

Il Casale di Emma è fiero di annunciare ...


25/06/2015 - 

Una nuova edizione per 'Io dormo da sola'

Esce oggi, in 300.000 copie, una nuova edizione ...


Leggi tutte le news

Iscriviti alla Newsletter

sarai informato su eventi culturali in Sicilia

Iscriviti alla newsletter
Tu sei qui: Home > L'industria mineraria dello zolfo in Sicilia > Metodi di fusione 
un'oasi al centro della Sicilia

Il Casale di Emma
Contrada Castello sn - 93010 Resuttano (Caltanissetta CL - Sicilia)
Fax. 0934 597211
Cell. 340 2110314 (Federica) - 338 9894525 (Marco) - 338 9687800 (Nino)
P. IVA 01413320852 - Contatti

realizzazione sito web: Cristian Michele Sena - Web Master e Graphic Designer
posizionamento sito web ai primi posti sui motori di ricerca a cura di: Cristian Michele Sena - Web Master e Graphic Designer

 
Regione Siciliana Comunità Europea

Progetto finanziato dalla Comunità Europea. Misura 311C Diversificazione dall'attività Agricola - Altre forme di diversificazione. PSR Sicilia 2007.2013.

chiamaci 338 9894525 - 340 2110314

oppure contattaci via email

Prenotazione eventi in Sicilia Il Casale di Emma è Eccellenza Rurale 2007-2013 logo delle fattorie educative

Pagina Facebook il Casale di Emma Guarda i nostri video su YouTube Pagina Google // Il Casale di Emma Presentazioni su Slideshare // Il Casale di Emma