Provvedimenti governativi per arginare il declino dell'industria zolfifera siciliana (1925-1926) miniere di zolfo in Sicilia

Il governo emanò una serie di provvedimenti che furono assai importanti per l'industria zolfifera

Condividi questo articolo

miniere di zolfo in Sicilia miniere di zolfo in Sicilia - Locale devastato della miniera Trabonella di Caltanissetta

Locale devastato della miniera Trabonella di Caltanissetta - Foto di Vincenzo Santoro

Nonostante l'incremento della domanda di zolfo, l'aumento della produzione rimaneva modesto, dopo un iniziale incremento, e ciò sempre in dipendenza della carenza di manodopera, scoraggiata dai bassi salari, e dell'approfondirsi dei livelli di lavorazione, che richiedeva impegno di capitali per un miglioramento tecnico e per diminuire i costi di produzione.

L'integrazione verticale con l'industria della raffinazione era da molti ritenuta una soluzione opportuna; essa, prima dell'istituzione del Consorzio, era difficilmente attuabile per l'eccessivo frazionamento dei bacini minerari siciliani, infatti la raffinazione richiedeva impianti costosi, ampia disponibilità di materia prima, adeguati mezzi finanziari. Un esempio in tal senso era l'industria zolfifera della Romagna e delle Marche, che aveva sempre goduto di floride condizioni grazie alla sua integrazione con l'industria della raffinazione.

Il governo adottò questa soluzione con un provvedimento legislativo, il R.D. 7 maggio 1925 n. 648, che autorizzava il Consorzio zolfifero siciliano a lavorare direttamente o a far lavorare per proprio conto lo zolfo grezzo, a vendere direttamente o a far vendere per proprio conto lo zolfo lavorato, ed infine a partecipare ad aziende che avessero come oggetto la produzione o la vendita di zolfi lavorati.

Il Consorzio preferì quest'ultimo sistema e il 20 aprile 1925 si costituì a Catania la società F.O.R.Z.A. (Federazione Opifici Raffinerie Zolfi Affini), di cui facevano parte tutte le raffinerie siciliane di zolfo. Essa stipulò un accordo con il Consorzio, in forza del quale alla società spettava l'esclusiva della lavorazione degli zolfi italiani, al Consorzio spettava la metà degli utili netti derivanti annualmente dalla vendita degli zolfi lavorati dalla F.O.R.Z.A. In caso di perdite esse erano a totale carico della società.

La durata del contratto fu stabilita dal 1° agosto 1925 al 31 luglio 1930 ed esso non fu rinnovato alla scadenza, poichè non si raggiunse l'accordo tra le parti. Questo accordo era senza dubbio proficuo, ma esso fu aspramente criticato, perchè il Consorzio avrebbe avuto un guadagno maggiore se avesse lavorato direttamente o fatto lavorare per proprio conto gli zolfi grezzi. L'accordo era senza dubbio vantaggioso per la F.O.R.Z.A., che si assicurò l'assoluto monopolio della lavorazione degli zolfi e che realizzò cospicui guadagni.

Di essa erano partecipi per 3/5 gli industriali zolfiferi del Continente, che riuscirono sempre ad esercitare una notevole influenza sul Consorzio zolfifero, mercè le forti pressioni esercitate sugli ambienti ministeriali, nonostante l'esplicito divieto per raffinatori e soci di raffinerie di far parte degli organi amministrativi del Consorzio, contenuto nella legge istitutiva e ribadito in quella che ne prolungava la durata.

Un altro provvedimento importante adottato dal governo fu l'elettrificazione delle zolfare, affidata nel 1926 alla Società Generale Elettrica della Sicilia, che avrebbe abbassato i costi di produzione e ridotto il fabbisogno di manodopera. Essa fu portata a termine nel 1931 ed ebbe successo, infatti nel 1935 su 135 miniere attive usufruivano dell'elettricità 27 grandi miniere, che rappresentavano il 90% della produzione.

Terzo importante provvedimento fu l'istituzione presso il Banco di Sicilia, che assorbiva la Banca di Credito Minerario, di una sezione di credito minerario con capitale di 108 milioni, di cui la metà riservati all'industria zolfifera. Nonostante questi provvedimenti l'industria zolfifera non ebbe il tempo di riprendersi bene dopo la crisi del 1921-22, perchè sopraggiunse un'altra congiuntura sfavorevole nel 1926-27, quando la lire italiana ebbe una rivalutazione.

I prezzi dello zolfo, secondo gli accordi con l'America, venivano stabiliti in dollari, e la valuta estera, nei confronti della nostra lira rivalutata, presentava minore potenzialità di acquisto. Il prezzo reale dello zolfo subì, dunque, un diminuzione del 30%, solo in parte compensata dalla corrispondente diminuzione dei salari, degli estagli, delle tariffe ferroviarie e dei contributi di previdenza sociale, mentre il costo dei materiali occorrenti per la coltivazione delle miniere rimase invariato.

In questa occasione il Consorzio cercò di ottenere dalla SULEXO un rialzo del prezzo, ma non lo ottenne, perchè questo avrebbe avvantaggiato la concorrenza delle piriti, e la SULEXO vendeva ogni anno 2 milioni di tonnellate di zolfo per la fabbricazione di acido solforico in concorrenza alle piriti. L'industria zolfifera non riuscirà a risollevarsi più fino allo scioglimento del Consorzio, dato che alla crisi del 1927 ne seguirà un'altra a breve distanza.

organizzazione eventi in Sicilia

Organizza i tuoi eventi al centro della Sicilia e riscopri la cultura e la tradizione siciliana.

Il Casale di Emma è una splendida location per l'organizzazione di eventi a contatto con la natura.

Il luogo ideale dove organizzare:

Contattaci per chiedere maggiori informazioni sull'organizzazione del TUO evento

Il Casale di Emma

Chi siamo

La struttura

Le produzioni

Eventi al Casale

Cosa siamo

Villa per cerimonie

Centro congressi

Centro culturale

Locale per feste

Sala degustazioni

Museo contadino

Fattoria Educativa

Azienda Agri-Sociale

Orto botanico

Cosa fare nei dintorni

I paesi vicini

A piedi o in Mountain Bike

un'oasi al centro della Sicilia

Organizzazione feste, cerimonie, incontri di lavoro, eventi culturali, ludici e gastronomici.

Ottieni uno sconto del 10%. Scarica la guida e stampa il codice.

Ma quante cose puoi fare al Casale di Emma? Scarica la guida per vedere quali eventi è possibile organizzare ed ottieni un codice di sconto del 10% su tutti i servizi. Per sempre.

 

News

29/05/2016 - 

Secondo raduno fan siciliani dei Pink Floyd

Il prossimo 29 maggio il secondo raduno fan sic ...


02/07/2015 - 

Il Casale di Emma ottiene il logo Sicilia a Chilometro Zero

Il Casale di Emma è fiero di annunciare ...


25/06/2015 - 

Una nuova edizione per 'Io dormo da sola'

Esce oggi, in 300.000 copie, una nuova edizione ...


Leggi tutte le news

Iscriviti alla Newsletter

sarai informato su eventi culturali in Sicilia

Iscriviti alla newsletter
Tu sei qui: Home > L'industria mineraria dello zolfo in Sicilia > Provvedimenti governativi per arginare il declino dell'industria zolfifera siciliana (1925-1926) 
un'oasi al centro della Sicilia

Il Casale di Emma
Contrada Castello sn - 93010 Resuttano (Caltanissetta CL - Sicilia)
Fax. 0934 597211
Cell. 340 2110314 (Federica) - 338 9894525 (Marco) - 338 9687800 (Nino)
P. IVA 01413320852 - Contatti

realizzazione sito web: Cristian Michele Sena - Web Master e Graphic Designer
posizionamento sito web ai primi posti sui motori di ricerca a cura di: Cristian Michele Sena - Web Master e Graphic Designer

 
Regione Siciliana Comunità Europea

Progetto finanziato dalla Comunità Europea. Misura 311C Diversificazione dall'attività Agricola - Altre forme di diversificazione. PSR Sicilia 2007.2013.

chiamaci 338 9894525 - 340 2110314

oppure contattaci via email

Prenotazione eventi in Sicilia Il Casale di Emma è Eccellenza Rurale 2007-2013 logo delle fattorie educative

Pagina Facebook il Casale di Emma Guarda i nostri video su YouTube Pagina Google // Il Casale di Emma Presentazioni su Slideshare // Il Casale di Emma