Raffinazione dello zolfo, sublimazione, molitura, ventilazione tecniche lavorazione zolfo

Negli ultimi anni dell’ottocento la richiesta di zolfo di qualunque tipo era fortissima e spinse gli imprenditori ad impiantare nelle raffinerie i macchinari per la sublimazione, per la molitura e per la ventilazione


Condividi questo articolo

tecniche lavorazione zolfo tecniche lavorazione zolfo - Cristalli di zolfo

Fiori di zolfo ottenuti dal raffreddamento rapido dei vapori di zolfo

Lo zolfo ottenuto direttamente dal minerale con i metodi precedentemente indicati si può dire abbastanza puro poiché contiene pochissime impurità costituite generalmente da polvere di sterile trascinato durante la colatura ; "le analisi hanno infatti messo in evidenza che le impurità sono costituite principalmente di argilla e gesso".

Il commercio richiedeva da tempo anche la raffinazione dello zolfo grezzo, operazione che inizialmente si compieva soltanto all'estero, e specialmente a Marsiglia. La prima raffineria impiantata in Sicilia risale al 1837 e sorse a Porto Empedocle, ma non ebbe fortuna, non riuscendo a sostenere la concorrenza delle raffinerie francesi.

In seguito vennero fatti altri tentativi di impianto a Catania, ma senza particolare successo. La prima grande raffineria sorta per una produzione di concorrenza fu quella impiantata nel 1878 a Fontana Rossa presso Catania, con apparecchi e metodi analoghi a quelli delle raffinerie d'oltralpe. In seguito se ne impiantarono di simili a Licata, a Porto Empedocle, a Termini Imerese e nella stessa Catania.

"La raffinazione serve a portare il tenore di zolfo, che nello zolfo grezzo oscillava dal 97 al 98%, ad un valore prossimo al 100%. Viene eseguita tramite liquefazione in casse di ghisa, ebollizione in sorte di ghisa, riscaldamento dei prodotti di combustione e successiva condensazione in recipienti cilindrici verticali chiusi. Da questi lo zolfo passa ad altri recipienti aperti dei quali è versato negli stampi. I prodotti finali sono i "pani", forme di 50kg. di peso o i "cannoli", pezzi di forma cilindrica. Il rendimento dei forni di fusione dipende dal numero delle storte e corrisponde ad una produzione di 3 tonnellate per storta nelle 24ore".

Al processo di raffinazione sono direttamente legati altri tipi di processi e di lavorazioni che consentivano di ottenere lo zolfo "sublimato", "molito" e "ventilato".

La scelta del tipo di trattamento che lo zolfo doveva subire dipendeva soprattutto dal tipo di utilizzo che si doveva fare dello stesso una volta commercializzato.

Negli ultimi anni dell'ottocento la richiesta di zolfo di qualunque tipo era fortissima e spinse gli imprenditori ad impiantare nelle raffinerie i macchinari per la sublimazione, per la molitura e per la ventilazione.

Immagine di un impianto di frantumazione per la raffinazione dello zolfo in evidente stato di abbandono

Impianto di frantumazione dello zolfo della Miniera Trabonella di Caltanissetta in evidente stato di abbandono

Sublimazione

"In questa produzione si utilizzano storte analoghe a quelle dei forni di raffinazione. I vapori che escono dalle storte sono però immessi in ampie camere in muratura dove per il brusco raffreddamento passano allo stato solido in forma di polvere finissima.

I granuli che si raccolgono all'interno della camera di sublimazione (fiori di zolfo) sono di varia grossezza a seconda della prossimità all'imbocco del condotto che porta all'interno i vapori. Le dimensioni delle camere sono mediamente di m. 15x7 in pianta e di m. 9,50 di altezza.

Nel periodo di funzionamento del forno - una settimana - la camera resta ermeticamente chiusa.

Nella volta sono ubicate due valvole con relativi caminetti che oltrepassano i tetti per la fuoriuscita di eventuali prodotti di combustioni causate da infiltrazioni d'aria.

La produzione è di circa 12-15 tonnellate alla settimana. La raccolta dello zolfo sublimato prodotto viene fatta una volta alla settimana e seguita dall'immagazzinamento del prodotto suddiviso a seconda della granulometria".

Molitura

Consiste nella polverizzazione dello zolfo grezzo di elevata qualità o di quello raffinato. Lo zolfo sminuzzato in un frantumatore metallico viene portato al frantoio costituito da una base di pietra lavica di 2 metri di diametro sulla quale girano due molazze circolari di m. 1,60 di diametro e di metri 0,52 di spessore.

La polvere che si ottiene viene meccanicamente trasportata all'interno di buratti con un crivello interno in rete metallica ed uno esterno in seta. La polvere di zolfo che passa attraverso la rete metallica e quindi attraverso il buratto in seta costituisce il "molito" che viene quindi insaccato.

La parte trattenuta dalla rete e dal tessuto di seta viene nuovamente avviata alla molitura. La produzione viene valutata nella misura di 6 tonnellate per ciascun buratto nell'arco di 10 ore.

Immagine di un impianto di ventilazione per la raffinazione dello zolfo in evidente stato di abbandono

L’impianto di ventilazione della Miniera Trabonella di Caltanissetta veniva usato durante il processo di raffinazione dello zolfo

Ventilazione

Per la produzione di zolfo ventilato si utilizza come materia prima esclusivamente lo zolfo raffinato.

Dopo una prima frantumazione lo zolfo è trasportato al frantoio. Questo è costituito da una cremagliera circolare dentata e da un piatto con denti radiali.

Il materiale passando tra la cremagliera e i denti del piatto viene ridotto in polvere finissima. Una corrente di anidride carbonica spinta da un ventilatore ad alta velocità porta lo zolfo in polvere all'interno di un grande recipiente cilindrico in lamiera di ferro con un diametro interno di m. 1,80 e un'altezza di m. 4. La parte più fina della polvere rimane attaccata alla parete e costituisce il "ventilato" vero e proprio mentre la parte di maggiore grandezza viene trasportata nuovamente al frantoio per un nuovo trattamento.

sublimazione zolfo sublimazione zolfo - Incrostazioni sulfuree sulla roccia

Incrostazioni di zolfo sulla roccia

organizzazione eventi in Sicilia

Organizza i tuoi eventi al centro della Sicilia e riscopri la cultura e la tradizione siciliana.

Il Casale di Emma è una splendida location per l'organizzazione di eventi a contatto con la natura.

Il luogo ideale dove organizzare:

Contattaci per chiedere maggiori informazioni sull'organizzazione del TUO evento

un'oasi al centro della Sicilia

Organizzazione feste, cerimonie, incontri di lavoro, eventi culturali, ludici e gastronomici.

Ottieni uno sconto del 10%. Scarica la guida e stampa il codice.

Ma quante cose puoi fare al Casale di Emma? Scarica la guida per vedere quali eventi è possibile organizzare ed ottieni un codice di sconto del 10% su tutti i servizi. Per sempre.

 

News

29/05/2016 - 

Secondo raduno fan siciliani dei Pink Floyd

Il prossimo 29 maggio il secondo raduno fan sic ...


02/07/2015 - 

Il Casale di Emma ottiene il logo Sicilia a Chilometro Zero

Il Casale di Emma è fiero di annunciare ...


25/06/2015 - 

Una nuova edizione per 'Io dormo da sola'

Esce oggi, in 300.000 copie, una nuova edizione ...


Leggi tutte le news

Iscriviti alla Newsletter

sarai informato su eventi culturali in Sicilia

Iscriviti alla newsletter
Tu sei qui: Home > I segni del lavoro: Le zolfare > Raffinazione dello zolfo, sublimazione, molitura, ventilazione 
un'oasi al centro della Sicilia

Il Casale di Emma
Contrada Castello sn - 93010 Resuttano (Caltanissetta CL - Sicilia)
Fax. 0934 597211
Cell. 340 2110314 (Federica) - 338 9894525 (Marco) - 338 9687800 (Nino)
P. IVA 01413320852 - Contatti

realizzazione sito web: Cristian Michele Sena - Web Master e Graphic Designer
posizionamento sito web ai primi posti sui motori di ricerca a cura di: Cristian Michele Sena - Web Master e Graphic Designer

 
Regione Siciliana Comunità Europea

Progetto finanziato dalla Comunità Europea. Misura 311C Diversificazione dall'attività Agricola - Altre forme di diversificazione. PSR Sicilia 2007.2013.

chiamaci 338 9894525 - 340 2110314

oppure contattaci via email

Prenotazione eventi in Sicilia Il Casale di Emma è Eccellenza Rurale 2007-2013 logo delle fattorie educative

Pagina Facebook il Casale di Emma Guarda i nostri video su YouTube Pagina Google // Il Casale di Emma Presentazioni su Slideshare // Il Casale di Emma